logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Provincia di Rovigo Regione del Veneto

Via L. Ricchieri detto Celio, 10 - 45100 | Tel. +39 0425 386 111 | PEC: ufficio.archivio@pec.provincia.rovigo.it


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Agosto  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
             

Il futuro della politica di coesione

logo

La Commissione europea per il periodo 2021-2027 si orienta verso una revisione della politica di coesione che, rispetto alla programmazione in corso, potrebbe offrire maggiori risorse ai Paesi di accoglienza degli immigrati ed a quelli maggiormente toccati dalla disoccupazione giovanile.

Una nuova programmazione che interessa 27 Stati Membri, con l'esclusione del Regno Unito, che in virtù della Brexit porterà questo Paese all'uscita dall'Unione Europea.

La futura politica di coesione proposta, mira a contribuire alla riduzione degli squilibri che persistono tra gli Stati Membri e a loro interno, concentrando le risorse su 5 obiettivi strategici:

  • un'Europa intelligente
  • un'Europa più verde e priva di emissioni di carbonio
  • un'Europa più connessa
  • un'Europa più sociale
  • un'Europa più vicina ai cittadini

Il nuovo metodo proposto per la ripartizione delle risorse si basa ancora prevalentemente sul pil pro capite, ma prevede anche l'aggiunta di nuovi criteri: disoccupazione giovanile, bassi livelli d'istruzione, cambiamenti climatici, accoglienza e integrazione dei migranti.

La Commissione propone un insieme unico di norme per 7 fondi UE attuati in regime di gestione concorrente (le risorse stanziate dall'Unione vengono gestite dalle Autorità individuate dai singoli Stati Membri):

  1. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
  2. Fondo di Coesione
  3. Fondo Sociale Europeo
  4. Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca
  5. Fondo Asilo e Migrazione
  6. Fondi Sicurezza Interna
  7. Strumento per la gestione delle frontiere e dei Visti

Il Fondo Asilo e migrazione potrà finanziare le strategie locali di integrazione dei migranti e dei richiedenti asilo, concentrandosi sulle esigenze a breve termine, subito dopo l'arrivo (come accoglienza ed assistenza sanitaria).

Le risorse disponibili vengono gestite a livello nazionale e regionale attraverso programmi operativi.

La proposta della Commissione si pone anche l'obiettivo di prendere maggiormente in considerazione il livello locale sostenendo lo sviluppo strategico di crescita delle Autorità urbane, locali e degli altri Enti territoriali, che dovrebbero vedersi affidare la selezione dei progetti finanziati dalla UE o prendere parte a questa selezione.

Per quanto riguarda la cooperazione interregionale e transfrontaliera, la Commissione propone un nuovo strumento, il "Meccanismo Transfrontaliero Europeo" che introdurrà, su base volontaria ed intesa con le autorità competenti, la possibilità che la normativa di uno Stato membro si applichi ad uno Stato limitrofo per un progetto o una specifica azione limitata nel tempo.

Le nuove regole introdurranno anche investimenti interregionali per l'innovazione: le Regioni che presentano risorse di "Specializzazione intelligente" (SMART SPECIALIZATION) beneficeranno di un sostegno supplementare per collaborare.

L'obiettivo è di sviluppare i progetti europei finanziabili in settori prioritari (Big Data, Bio economia, Efficienza delle risorse, Mobilità interconnessa o Cyber sicurezza).

Data creazione scheda

09/07/2018

Data aggiornamento scheda

09/07/2018
via L. Ricchieri detto Celio, 10 - 45100 Rovigo
Telefono: 0425 386 111 - P.IVA e IBAN
Posta elettronica: ufficio.urp@provincia.rovigo.it
PEC:
ufficio.archivio@pec.provincia.rovigo.it