logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Provincia di Rovigo Regione del Veneto

Via L. Ricchieri detto Celio, 10 - 45100 | Tel. +39 0425 386 111 | PEC: ufficio.archivio@pec.provincia.rovigo.it


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Dicembre  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

News

Errore caricamento immagine.

25 NOVEMBRE: GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE


Il 25 novembre si celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e molte sono le iniziative che la Provincia di Rovigo, i Comuni e le AsIl vice presidente della Provincia di Rovigo Michele Aretusini ha partecipato in data odierna all’assemblea nazionale dei presidenti delle Province d’Italia tenutasi a Roma, nel corso della quale Achille Variati, presidente Upi, ha esposto i risultati ottenuti negli anni successivi alla legge Del Rio, che ha eliminato l’autonomia finanziaria delle Province italiane oltre che a competenze e trasferimenti di personale. “E’ importante – sottolinea Aretusini – che nell’attuale legge di bilancio siano presenti 250 milioni pluriennali (2019 – 2033) per piani di sicurezza, strade e scuole, lo sblocco degli avanzi a favore della spese in conto capitale per aumentare gli investimenti e favorire la crescita dei territori, il riconoscimento dell’ambito provinciale dove far confluire le attività di acquisti centralizzati e di stazione unica appaltante”. Upi chiede al Governo un incremento dello stanziamento a regime da 250 a 280 milioni di euro per superare lo squilibrio di parte corrente, consentendo il ripristino della ordinaria capacità di programmazione finanziaria e assicurando la corretta erogazione dei servizi essenziali. C’è la necessità di consolidare il ruolo delle Province che svolgono funzioni di progettazione e realizzazione degli investimenti a quelle di supporto agli enti locali del loro territorio, per migliorare l’efficienza e la funzionalità dei servizi di progettazione e di acquisto di tutto il sistema delle autonomie locali e di rilancio degli investimenti a livello territoriale per supportare l’attuazione delle disposizioni sulle stazioni uniche appaltanti nelle province e nelle città metropolitane. “E’ risultato unanime il pensiero – conclude Aretusini - che la Provincia sia un ente intermedio fondamentale e fortemente identitario che merita autonomia finanziaria, c’è quindi la necessità di una revisione delle funzioni come della legittimazione dell’organo politico con elezioni dirette da parte dei cittadini”.sociazioni hanno organizzato per l’occasione.

La Provincia aderisce, inoltre, al Progetto Un Women “Orange the World 2018” in collaborazione con Soroptimist Club di Rovigo e illuminerà di arancione, colore indicato dall’Onu come simbolo della lotta alla violenza sulle donne in quanto colore della speranza, la facciata dell’Ente dal 25 novembre al 10 dicembre.

Lo comunica la presidente della Commissione provinciale Pari opportunità, organismo che anche quest’anno ne ha curato la raccolta in un calendario, Raffaela Salamaso, che ricorda come la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne sia stata istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999. Con l’istituzione l’Onu si è posta l’obiettivo di sensibilizzare sull’argomento dando, in contemporanea, supporto alle donne e alle bambine vittime di violenza fisica e psicologica partendo dall’assunto che la violenza contro le donne sia una violazione dei diritti umani. Tale violazione è una conseguenza della discriminazione contro le donne, dal punto di vista legale e pratico, e delle persistenti disuguaglianze tra uomo e donna. La violenza contro le donne, afferma ancora l’Onu, influisce negativamente e rappresenta un grave ostacolo nell’ottenimento di obiettivi cruciali quali l’eliminazione della povertà, la lotta all’Hiv/Aids e il rafforzamento della pace e della sicurezza. In Italia da circa 15 anni viene celebrata questa giornata, inizialmente solo dai centri antiviolenza e delle Case delle donne sparse in tutto il Paese, poi anche dalle istituzioni nazionali e locali. La data del 25 Novembre è stata scelta in ricordo dell’uccisione delle sorelle Mirabal, avvenuta nel 1960 a Santo Domingo. Patria, Minerva e María Teresa Mirabal all’epoca erano delle attiviste del “Movimento 14 giugno”, un gruppo politico clandestino dominicano che si opponeva alla dittatura del regime di Rafael Leónidas Trujillo. Il 25 Novembre 1960 le donne furono torturate, bastonate e strangolate dai militari di Trujillo, motivo per cui molti cominciarono a ribellarsi al regime fino alla sua caduta. sì che questi ultimi non rimangano occasioni di partecipazione effimera di un solo giorno”.

Allegati Notizia

via L. Ricchieri detto Celio, 10 - 45100 Rovigo
Telefono: 0425 386 111 P.IVA e IBAN
Posta elettronica: ufficio.urp@provincia.rovigo.it
PEC:
ufficio.archivio@pec.provincia.rovigo.it